Logo Tecnobit software house per CAD 2D e 3D per Geometri, Architetti e Ingegneri
Cerca
Collaborazione GstarCAD e Revit con collegamento DWG.

Collaborazione tra GstarCAD e Revit® con collegamento di file DWG

seguici 

La collaborazione tra GstarCAD e Revit, attraverso il collegamento di file DWG, offre un flusso di lavoro efficiente per lo sviluppo di progetti BIM. Partendo da disegni CAD preliminari, è possibile sfruttare le potenzialità di Revit per creare modelli BIM completi e accurati, mantenendo al contempo un collegamento dinamico per gli aggiornamenti futuri.

Collaborazione GstarCAD Revit: come far interagire i due software

Nel campo della progettazione BIM e CAD, l’integrazione tra diversi software è fondamentale per ottimizzare il flusso di lavoro e garantire risultati di alta qualità. GstarCAD e Revit rappresentano un’ottima combinazione per chi cerca soluzioni efficienti e convenienti. In questo articolo, esploreremo come utilizzare insieme GstarCAD e Revit, concentrandoci su come collegare un file DWG creato in GstarCAD a un progetto BIM in Revit. GstarCAD è un software CAD molto simile ad AutoCAD ®, con un’interfaccia e funzionalità praticamente identiche, ma con un costo notevolmente inferiore. Revit invece è uno dei principali software per la modellazione BIM, utilizzato per creare gemelli digitali di edifici con tutte le componenti integrate, dalle architettoniche alle strutturali, passando per gli impianti e la parte topografica. La collaborazione tra GstarCAD e Revit è particolarmente efficace quando si ha bisogno di collegare un file DWG a un progetto BIM. Vedremo ora come collegare un DWG creato in GstarCAD a un progetto Revit e come aggiornare entrambi i file durante il processo di progettazione.

Preparazione del progetto in GstarCAD

Per iniziare, avviare GstarCAD e configurare l’interfaccia per le operazioni da svolgere. Utilizzando un file modello specifico (DWT), si crea un progetto DWG di base dove disegnare gli elementi che verranno collegati in Revit. È importante scegliere un modello con le impostazioni di layer, stili e unità di misura adeguate al progetto.

Una volta generato il nuovo file DWG, è fondamentale salvarlo in una cartella appropriata. Ora si può iniziare a disegnare il contorno dei muri esterni con una polilinea, definendo gli spessori con il comando Offset e utilizzando strumenti come Trim, Specchia, Orto, ecc.

Creazione del progetto in Revit

Successivamente, si passa a Revit per creare un nuovo progetto basato su un modello specifico (RTE). Dopo aver selezionato il modello architettonico appropriato, si accede alla vista predefinita 0 – Piano Terra. Da qui, si procede a collegare il file DWG creato in GstarCAD.

Cliccando su Inserisci e poi su Collega CAD, si seleziona il file DWG e si configura il collegamento assicurandosi di mantenere i colori, specificare i Layer da importare e impostare correttamente le unità di importazione. Il file DWG viene posizionato al centro del progetto Revit, pronto per essere utilizzato come base per la modellazione BIM.

Sviluppo del modello BIM

In Revit, si utilizza il file DWG come riferimento per sviluppare il modello BIM. Si possono accendere o spegnere i layer importati dal DWG per visualizzare solo gli elementi necessari. Gli strumenti di Revit permettono di interrogare il file DWG per ottenere informazioni sui layer e gestire la visibilità degli elementi.

Per modellare i muri, si seleziona lo strumento Muro nella scheda Architettura e si procede ricalcando i muri 2D del DWG con i muri 3D di Revit. Si possono anche inserire porte e finestre come oggetti parametrici BIM, sfruttando la precisione degli snap a oggetto.

Aggiornamento del file DWG e del modello BIM

Una delle caratteristiche più potenti di questa integrazione è la possibilità di aggiornare il file DWG in GstarCAD e riflettere le modifiche in Revit. Dopo aver apportato modifiche al DWG, si salva il file e si torna in Revit per aggiornare il collegamento CAD.

Accedendo a Gestisci e Gestisci collegamenti, si seleziona il file DWG modificato e si ricarica, vedendo le modifiche aggiornate nel modello BIM. Questo permette una collaborazione continua e fluida tra chi lavora sul disegno 2D e chi si occupa della modellazione BIM.

GstarCAD si dimostra un’alternativa valida e più economica ad AutoCAD, integrandosi perfettamente con Revit per la progettazione BIM. La possibilità di aggiornare i file DWG e riflettere le modifiche in Revit rende questa combinazione di software estremamente efficiente per i professionisti del settore.

Per chi fosse interessato a esplorare ulteriormente le potenzialità di GstarCAD e Revit, si consiglia di scaricare la versione di prova gratuita di GstarCAD, disponibile per 30 giorni senza impegno. 

Condividi l’articolo